Riabilitazione funzionale

Durante la crescita può accadere che si manifestino alcuni squilibri della funzione respiratoria, masticatoria, fonetica e linguale, la cui conseguenza sarà l’alterazione della normale morfologia del terzo inferiore del viso.

La crescita è un processo molto complesso durante il quale si sommano molti aspetti. Lo sviluppo neuromuscolare e il suo influsso sui tessuti, l’accrescimento di sostanza e di volume del cranio e della sua componente stomatognatica, lo sviluppo delle facoltà cognitive ed il loro influsso sulla postura; il tutto inserito in un sistema dinamico che è la vita.

Durante questo complesso e difficile percorso, che l’essere umano ripete da millenni, può accadere che qualcosa non vada secondo i piani e che ne ne derivino problemi.

Il termine disfunzionale definisce qualcosa che non sta funzionando in armonia con lo scopo per il quale era previsto. Un comportamento disfunzionale non è necessariamente un comportamento sbagliato. È un comportamento frutto di un compromesso dovuto a qualcosa che non si è integrato adeguatamente nel sistema e che ne riduce l’efficacia.

La riabilitazione funzionale in ortodonzia consiste nel rieducare quel comportamento errato affinché la natura possa tornare ad esprimersi al meglio del suo potenziale.

L’ortodontista nel percorso diagnostico indagherà anche sulla vista, sulla postura, sulla deglutizione e su altre funzioni. Questo è necessario per comprendere dove si trova l’origine della disfunzione riscontrata e come questa abbia inciso sul quadro ortodontico.

L’essere umano, in particolare modo il bambino che è un organismo in crescita, va considerato nel suo insieme perché l’apparato stomatognatico (ossa denti articolazioni , muscoli e organi connessi) sono in relazione con il sistema neuromuscolare che regola la postura.

La riabilitazione funzionale in ortodonzia non è una parte della terapia che si può decidere di fare o non fare a discrezione; è un aspetto integrante la terapia.

Lo specialista in ortodonzia applica uno o più tipi di apparecchi ortodontici per influenzare la crescita delle strutture ossee e dei denti. Tutto ciò modificherà la funzione della lingua la cui attività potrebbe aver bisogno di essere corretta con la terapia riabilitativa. Questa riabilitazione potrebbe essere svolta in collaborazione con una logopedista o con un operatore che impieghi metodiche cognitivo comportamentali con il biofeedback che utilizza attrezzature specifiche per la riabilitazione.

Come tutte le riabilitazioni, il risultato sarà migliore se si seguiranno tutte le indicazioni date dal medico. Affinché il trattamento riabilitativo in ortodonzia abbia successo si richiede la piena collaborazione del paziente ed in caso di minori della sua famiglia. Tutti devono impegnarsi perché gli esercizi di correzione prescritti siano fatti secondo le indicazioni.

La riabilitazione funzionale in ortodonzia non fa sconti. Essa è impietosa con chi non rispetta le indicazioni ed è generosa con chi vi si dedica con passione ed entusiasmo. Eseguirla con costanza e precisione per un determinato tempo è la strada da percorrere per raggiungere il migliore risultato possibile.