apparecchio ortodontico

Quale è l’apparecchio ortodontico giusto per mio figlio? 
Questa è una domanda che si pongono molti genitori, dopo aver ascoltato proposte di cura diverse per tipo e durata.

Un apparecchio ortodontico è un dispositivo che applica delle forze ai denti e/o ai muscoli per correggere un problema scheletrico o dentale o funzionale.

Esistono tantissimi tipi di apparecchi ortodontici: fissi, rimovibili, in metallo, in resina, trasparenti, ingombranti e impercettibili. 
Le cure ortodontiche possono iniziare in età pediatrica o essere eseguite in età adulta. Possono intercettare il problema e correggerlo nell’infanzia o correggerlo durante l’adolescenza o in età adulta. E’ consigliato dall’AAO (Associazione Americana degli Ortodontisti) sottoporre i bambini verso i 4 anni ad una visita dall’ortodontista per intercettare eventuali problemi di sviluppo e crescita.

 Un apparecchio ortodontico si può applicare a tutte le età, ma non tutte le malocclusioni sono correggibili solo con l’apparecchio. A volte c’è bisogno anche di estrazioni o del chirurgo che interviene per armonizzare la struttura ossea a quella dentale e per rendere armonioso il viso. 
Per proporre una terapia ortodontica è necessario studiare il caso a seguito della visita e della raccolta dei dati come impronte per lo sviluppo dei modelli e l’esecuzione di radiografie. Lo specialista studia il caso, diagnostica la malocclusione, individua il tipo di apparecchio ortodontico e prevede il tempo di cura. Spiega le conseguenze in caso di mancata applicazione dell’apparecchio e i benefici derivanti dall’applicazione dell’apparecchio. Illustra i disagi possibili e la collaborazione necessaria per la riuscita della terapia.

Portare l’apparecchio ortodontico è… un lavoro di squadra, c’è bisogno della partecipazione attiva di tutti: paziente, specialista, ausiliari, collaboratori e familiari in caso di minori.