Età prescolare

Entro i quatto anni di età la dentizione decidua dovrebbe essere completamente presente. In questo stadio della crescita i denti da latte sono erotti del tutto avendo essi terminato il loro percorso di crescita. Ognuno dei venti denti da latte (decidui) a questo punto avrà già preso la propria posizione nelle due arcate dividendosi in quattro incisivi, due canini e quattro molari sia nella mandibola (inferiore) che nella mascella (superiore). Lo svezzamento sarà stato compiuto da qualche tempo in modo da consentire la corretta masticazione. Tutto questo dovrebbe avvenire in un equilibrio di forze tra quelle della masticazione, della deglutizione e della fonazione. Al termine dell’allattamento i bambini svezzati correttamente non deglutiscono più con il meccanismo della suzione. Addentando, triturando, masticando e deglutendo correttamente il cibo, i bambini favoriscono l’armonico sviluppo della morfologia occlusale. Il cibo non ha solamente valore dal punto di vista nutritivo ma assume anche valore come esperienza di vita. I bambini attraverso il cibo assaporano il mondo che li circonda e iniziano a fare le proprie scelte alimentari alcune delle quali li accompagneranno per lungo tempo. Con il cibo i bambini imparano a scegliere aiutati in questo dai sensi del gusto e dell’olfatto. È importante insegnare ai bambini il corretto mantenimento dell’igiene orale fin da questa età. I denti vanno lavati almeno due volte al giorno, mattina e sera e laddove possibile anche dopo pranzo.

È opportuno che già a questa età, quando fuoriescono i primi denti, si attui l’igiene dei denti decidui con una garza che avvolta sul dito possa essere delicatamente sfregata su denti e gengive. Man mano che i denti eromperanno nel cavo orale si potrà passare agli spazzolini facendo attenzione alla loro dimensione e durezza. Gli spazzolini dovrebbero essere adeguati agli spazi esistenti in bocca. Sono migliori gli spazzolini piccoli e morbidi. Essi devono essere cambiati spesso (al massimo ogni due mesi). Un dentifricio, meglio se per bambini, non è indispensabile. Alcuni bambini lo rifiutano e non è il caso di insistere; invece insistete con lo spazzolino. È superfluo ricordare che il miglior metodo per ottenere risultati con i bambini è quello di dare loro il buon esempio.

È questo il periodo ideale per il primo contatto con lo Specialista in Ortodonzia.

Lo Specialista in Ortodonzia è un Medico o un Odontoiatra che ha perfezionato i propri studi frequentando un corso di Specializzazione in Ortognatodonzia in una delle 19 Scuole di Specializzazione presenti sul territorio italiano. Lo Specialista in Ortodonzia che unisce le competenze odontoiatriche alle conoscenze ortodontiche riesce a valutare l’intero complesso oro-facciale compresi denti, ossa, muscoli ed il loro sviluppo.


Al termine della dentizione decidua, prima che inizi la permuta dei denti da latte, è opportuno prendere contatto con lo Specialista in Ortodonzia che potrà visitare i bambini con la loro famiglia nel momento migliore. È meglio che la prima visita sia effettuata in assenza di complicazioni o di urgenze. I bambini potranno così vivere l’esperienza in modo sereno e la famiglia potrà essere inserita in un programma di richiami che ha come scopo il monitoraggio delle fasi di crescita. Lo Specialista seguirà i bambini durante tutta la crescita, prestando attenzione affinché l’eruzione dei denti avvenga correttamente. È importante che i denti erompano correttamente nel cavo orale, che si allineino in un’occlusione corretta e che sia effettuata adeguata prevenzione delle carie. È importantissimo che non si sviluppino mai carie e, se dovesse disgraziatamente succedere, è importante che esse siano curate al più presto. Al bisogno l’ortodontista può richiedere radiografie per misurare lo sviluppo osseo e per valutare la presenza di tutti gli elementi della dentizione decidua. Si può intervenire sulla struttura ossea, si può intervenire sulla dentizione e sulla funzione secondo le problematiche di crescita presenti. A volte l’ortodonzia richiede un intervento veramente precoce in casi di evidenti anomalie strutturali. Oppure potrebbe essere necessario un intervento funzionale per correggere funzioni alterate (conseguenti a respirazione orale o altre abitudini viziate come l’uso del dito o del ciuccio o la deglutizione infantile persistente) che possono compromettere la regolare crescita dei denti. In certi casi questo può richiedere una correzione per allineamento dei denti.

Durante i primi anni di vita, fino ai sei anni, il bambino può contrarre spesso malattie delle alte vie respiratorie come raffreddori o influenze che possono complicarsi in otite. Quando il bambino entra in contatto con germi rispetto ai quali non ha ancora sviluppato le necessarie difese immunitarie, accade che l’infiammazione delle mucose e l’essudato di reazione non trovino sfogo attraverso il naso facendo sì che il muco possa ristagnare dando origine a sovrainfezioni che generano le otiti. La respirazione è strettamente collegata allo sviluppo del complesso oro-facciale. Vie respiratorie ostruite spesso possono spingere il bambino ad usare la bocca per respirare, facendo sì che labbra e lingua assumano una posizione viziata, poco funzionale al corretto sviluppo del complesso oro-facciale. La permeabilità e l’integrità delle alte vie respiratorie è importante per lo sviluppo armonico della funzione masticatoria. Se vi accorgete che il vostro bambino respira male, russa o presenta apnee durante il sonno, programmate anche una visita dallo Specialista in Ortodonzia affinché valuti il livello di compromissione degli equilibri oro-facciali e la loro influenza sulla crescita.

Per qualsiasi dubbio o chiarimento sulle fasi del corretto sviluppo della bocca dei vostri bambini vi consigliamo di rivolgervi per una consulenza al vostro medico di fiducia.